Negli uomini del nostro tempo si verifica un fenomeno sorprendente: essi aspirano alla meditazione perchŔ avvertono, qualunque sia la loro ideologia, o la loro fede, che a causa della tensione e della febbrilitÓ della vita moderna, rischiano di perdere la parte migliore e pi¨ autentica di se stessi.

CAMMINATA DI MEDITAZIONE NEI PRESSI DI PORTO CONTE (Alghero) (30 aprile 2006)

Un vento forte di maestrale, costante, fresco ci ha "sfidato" per tutta la mattina, nel corso della camminata di meditazione che abbiamo svolto in localitÓ Porto Conte (Alghero).

Temevamo la pioggia, invece Ŕ stato lui il protagonista a rimanere, dopo aver "spazzato via tutte le nuvole".

Man mano che salivamo si udiva il suo suono, sempre diverso, e le sue "direzioni", anch'esse mutevoli, nei tanti mulinelli.

I canti melodiosi degli uccelli lo interrompevano con naturalezza e con gioia.

E intanto la salita continuava e lo ascoltavamo, sempre pi¨ forte, nelle varie tappe, dove ci fermavamo per "prendere fiato". E lui si faceva anche "vedere" nelle foglie e nei fiori che brillavano con i loro colori variegati, nei profumi che si sentivano qua e lÓ .....

Che meraviglia vedere volare gli uccelli nel vento - diceva un meditante!
Loro lo assecondano e, con minimi movimenti, quasi immobili, si fanno trasportare, con facilitÓ e naturalezza nel flusso della vita. Non lo "combattono", ma si fanno trasportare, con piccoli movimenti, seguendo la loro natura.

Questa libertÓ e docilitÓ nel volo, la porteremo dentro il nostro cuore nelle nostre giornate!

Grazie a tutti i 28 partecipanti a questo ritiro e a tutti gli altri che leggono: stiamo volando insieme.